Nuova Energia 1 | Carla Parola Official website

Parliamo ancora della Nuova Energia che sta serpeggiando sulla Terra, che sta invadendo Ogni Cellula del Corpo Umano, e che ha il Compito di sovvertire le Regole, le Consuetudini, i Condizionamenti, i Modi di fare che l’Umanità si è data nei lunghissimi Millenni che hanno preceduto Questo Momento.
L’Energia Nuova – è già stato detto – è sempre esistita: Nulla si crea e Nulla si distrugge, ma soltanto ORA Quest’Energia può essere attiva e può muovere e smuovere Tutto ciò che di Vecchio rimane sulla Terra.
Mai come in Questo Momento il Compito di ogni essere umano è quello di fare capo a Se Stesso, di ascoltarsi, di “percepirsi” mettendo la Mente in Secondo Piano.
Lasciarsi fluire nella Vita significa dare alla Nuova Energia ogni Possibilità affinché il Nuovo si manifesti anche attraverso di Noi.
Questo Nuovo Non dobbiamo cercarlo, Non dobbiamo pensarlo né ipotizzarlo: è la Nuova Energia che lo suscita, che lo realizza, che lo rende manifesto.
È un Cambio completo della Visione della Vita e della Modalità di vivere dell’Umanità.
Abbiamo sempre pensato, ragionato, controllato la Vita per dirigerla dove volevamo Noi.
Il Risultato è quello che Moltissimi stanno vivendo: Stanchezza, Scontentezza, Senso di Inutilità e, soprattutto, un Vuoto Interiore che difficilmente si riesce a colmare.
La Nuova Modalità prevede invece un Abbandono Totale, un affidarsi con completa Fiducia alla Vita, per permettere alla Nuova Energia di usarci come Mezzi per un Fine che a Noi è sconosciuto.
Affidandoci alla Vita, confidando in Essa Noi le permettiamo di realizzare il Suo Disegno.
Un Disegno che è impresso in Noi sotto Forma di Programmazione Interiore.
Noi non lo conosciamo perché Non è manifesto, ma c’è.
Quando la Vita ci mette davanti a dei Problemi, quando sembra che Tutto si confonda, che si faccia buio.. dobbiamo capire che è arrivato il Momento di cambiare la Nostra Modalità di Vita: Non più controllare, ma lasciarci usare dalla Vita.
Non consideriamo le Difficoltà come insormontabili, Non prendiamole come Cattiverie a cui la Vita ci sta sottoponendo gratuitamente, ma semplicemente come Segnali che, se ben compresi e ben gestiti, ci portano non solo al Superamento dei Problemi, ma anche a sperimentare una Nuova Modalità di vivere che ci renderà più sereni, più partecipi della Vita, più consapevoli e – soprattutto – più armoniosi.
Torno a ripeterlo: Non chiediamoci cosa o come possiamo fare.
L’Origine di Tutto sta nella Nostra Aderenza alla Vita, alla Nostra Parte Superiore che conosce la Nostra Programmazione Interiore, lo Scopo del Nostro Percorso Terreno.
Una Parte che ha tutto l’Interesse a guidarci terrenamente affinché la Programmazione sia attuata al Meglio.
Questi sono Concetti che vanno “sentiti” e assimilati.
Dopo l’Assimilazione c’è il Non fare Nulla, nemmeno voler attuare il Nuovo, dal Momento che Non lo conosciamo.
Soltanto la Vita, solo la Nuova Energia sa quello che dobbiamo fare, che ci diventerà tanto più chiaro quanto più Noi ci attiveremo con Fiducia verso la Vita Stessa, accantonando tutti i Nostri “se” e i Nostri “ma”.
Dobbiamo fidarci e confidare nella Vita.
Il che significa fidarsi di Noi Stessi, della Parte più Alta che è in Noi e che vibra alla Frequenza del Divino, la Parte che ci porta a trovare le Soluzioni, ad aderire veramente alla Vita ed esserne i Servitori.
Non guardiamo alle Difficoltà come Cattiverie della Vita, Soprusi o Ingiustizie, ma semplicemente come Opportunità per cambiare Qualcosa di Noi.
Quando abbiamo capito quello che la Vita ci sta dicendo, fermiamoci, Non attiviamoci per fare Qualcosa: è la Vita che deve fare attraverso di Noi.
Per chi vuole controllare continuamente la Vita è una Modalità difficile, ma diventa molto facile se l’Essere Umano è consapevole di Essere una Scintilla, una Cellula del Divino.
Immettiamo Questi Concetti dentro di Noi, respiriamoli, facciamoli Nostri; lasciamo che invadano Ogni Cellula del Nostro essere senza “se” e senza “ma”, affidandoci completamente alla Vita.

© 2018 Carla Parola Official website. All Rights Reserved // Weneed