Imparare a Condividere | Carla Parola Official website Imparare a Condividere – Carla Parola Official website
Ancora nessun commento

Imparare a Condividere

 

Nella Vita imparare a condividere è un Traguardo Importante.
Cerchiamo di capire bene perché.
L’Essere Umano, in quanto Parte del Tutto, nasce con la Condivisione già Attivata, poiché condivide con l’Universo Tutte le Regole che lo animano e che lo fanno vivere, compresi i Valori Universali insiti nell’Energia.
Incarnandosi, l’Essere Umano prende Possesso di un Corpo Fisico ed inizia a vivere nella Terrenità, ma se in Lui la Condivisione non è radicata in Forma Attiva, egli se ne “dimentica” e si sente una Cellula Singola, Isolata rispetto al Tutto.
Ci sono Vite in cui le Esperienze che si presentano sono pesanti, determinanti nell’indurre l’Essere Umano a condividere.
Una Volta che queste Esperienze vengono affrontate nel Modo Giusto, la Condivisione si instaura e rimane Attiva Perennemente.
Il Programma della Condivisione rimane Attivo in Noi Qualunque Vita ci si ritrovi a vivere.
Quando invece la Condivisione Non è Attiva, nel Nostro Computer Interiore il Programma c’è ma non è da Noi conosciuto, e allora la Vita si incarica di fornirci le Situazioni adatte affinché Noi si possa partecipare agli Altri le Nostre Emozioni, Progetti, Idee.
Non per Protagonismo, Voglia di farci Valere o di esibire quello che abbiamo, ma semplicemente perché la Vita vuole che Noi arriviamo a “Sentire” la Necessità della Condivisione, nella quale c’è veramente Tutto.
Condividendo mi sento Parte di un Tutto, Sono Uno nel Tutto: Non Singolo, Isolato, ma con le Stesse Caratteristiche degli Altri. E so che per la Mia Armonia Interiore ho Necessità di condividere quello che la Vita mi ha dato, proprio perché attraverso di Me anche Altri possano arricchirsi e fare Esperienza.
Il Condividere non è sempre così Automatico, soprattutto quando il Programma deve iniziare a girare e dobbiamo scoprire come funziona, tuttavia è Inevitabile Arrivare alla Condivisione.
Perché ciò avvenga nel Modo giusto, costruttivo, è Necessaria una Grandissima Umiltà.
L’Umiltà non è di chi si lascia calpestare ma di chi si sente una Cellula, di chi si sente Inserito in un Programma, di chi si sente al Servizio della Vita.
Vorrò allora Condividere con gli Altri quello che la Vita veicola attraverso di Me, e – se mi chiedono di aiutarli – vorrò Condividere con Loro anche i Pesi che pure gli Altri si trovano ad affrontare.
Vorrò Condividere perché è la Vita Stessa a spingermi a farlo.
Nella Mia Condivisione non ci sarà Protagonismo (tale per cui desidero condividere soltanto Quella Parte di Me che voglio far conoscere agli Altri), ma Desiderio Autentico di Mettermi in Gioco, condividendo anche gli Insuccessi, i Momenti Bui, capendo Fino in Fondo di essere Parte di un Tutto e come Tale di non poter tenere Nulla in Esclusiva per Me.
Ciò non significa andare a raccontare i Fatti Propri a Tutti, ma semplicemente avere un’Apertura verso gli Altri che sia Autentica, che ci metta in Discussione in Prima Persona, in Modo che di Noi si possa offrire agli Altri anche le Informazioni che ci paiono Meno Eclatanti, che esulano dal Ruolo che vorremmo avere, dalla Visione che vorremmo che gli Altri avessero di Noi.
È però una Necessità che ci permette, attraverso la Condivisione, di Assorbire il Parere di Altri e di confrontarci autenticamente.
Infine Noi sentiamo la Necessità di Condividere quando vogliamo Molto Bene a Noi Stessi.
È allora che capiamo che certi Pesi, certe Necessità, certi Dubbi possono trovare una Soluzione o un Alleggerimento nella Condivisione.
Ed è proprio il voler bene a noi stessi che ci spinge a condividere.

I commenti sono chiusi .

© 2018 Carla Parola Official website. All Rights Reserved // Onami Media

Translate »