Meditazione dell’Essere – meditazione | Carla Parola Official website Meditazione dell’Essere – meditazione – Carla Parola Official website
Ancora nessun commento

Meditazione dell’Essere – meditazione

 

Immergiamoci nel Mare senza Paura.
Anche chi non sa nuotare vada sott’Acqua.
Il Mare è calmissimo e Noi siamo sott’Acqua senza Paura.
Cerchiamo di guardare Sotto di Noi ma non vediamo Nulla.
Guardiamo al di Sopra e ci accorgiamo di essere a Pelo d’Acqua, per cui riusciamo a vedere la Luce del Sole.
Siamo estremamente rilassati.
È una strana Sensazione: Nessun Pensiero ci attraversa.
Non pensiamo che ci manca l’Aria, che è Troppo Tempo che siamo sott’Acqua, che sotto di Noi c’è l’Ignoto…
Questi Pensieri non ci passano per la Mente.
Siamo immersi nell’Acqua eppure vediamo la Luce del Sole.
È una Strana Sensazione, ma ci dà Pace.
Ci guardiamo intorno con Curiosità, Stupore, Meraviglia, e scopriamo di essere Moltissimi.
Siamo come i Pesci: siamo una Moltitudine di Esseri Umani sott’Acqua.
Tutti stiamo fermi, immobili e rilassati.
Non abbiamo Nessuno Stimolo: né ad andare a Fondo, né ad uscire dall’Acqua.
Semplicemente SIAMO.
È una Situazione Strana: siamo riusciti ad Annullare i Pensieri.
ORA però vogliamo tornare sulla Terraferma mantenendo quest’Assenza di Pensieri.
Ci siamo riusciti sott’Acqua e vogliamo provare a farlo anche sulla Terraferma.
Senza Nessuno Sforzo ci ritroviamo Tutti su di una Spiaggia.
Siamo tutti rilassati e continuiamo a Non avere Pensieri.
C’è un’Aria Strana Attorno a Noi: sembra tutto Immobile.
Il Sole Non è Troppo caldo, il Vento Non è troppo Forte, la Sabbia Non brucia e c’è Spazio a Sufficienza per Ognuno di Noi: Tutto è perfetto.
Siamo in uno Stato di Beatitudine.
Più questo Stato si protrae, più stiamo Bene.
Più riusciamo a mantenere l’Assenza di Pensieri, più siamo in Pace.
Il Sole sta calando, la Temperatura cambia, si presentano le Prime Necessità: il Desiderio di coprirsi, di bere, di mangiare, di sgranchirsi le gambe.
Tutto questo può essere Fatto con Semplicità e Naturalezza.
Quando però subentra il Desiderio di comunicare con gli Altri che sono attorno a Noi, per farli partecipi delle Nostre Sensazioni e Sentimenti, allora affiora un Certo Nervosismo, una Sottile Ansia.
È come se ci fossimo tirati fuori da un Luogo Magico, da una Condizione Ideale, per metterci nuovamente a Confronto, lasciando Spazio alla Nostra Mente, ai Nostri Giudizi.
È una Sensazione lieve, non fastidiosa, ma non è più lo Stato Armonico di poco prima.
A questo Punto ci domandiamo Perché ciò accada.
Il Perché è semplice: nel Nostro Rapporto con gli Altri Noi vogliamo dimostrare Qualcosa di Noi Stessi e al contempo giudichiamo il Comportamento dell’Altro, ma questo Confronto non sempre è Positivo per Noi.
Se l’Altro – dal Nostro Punto di Vista – ha avuto Migliori Sensazioni di Noi, oppure è riuscito a stare più Tempo sott’Acqua, o ha immaginato Cose che Noi non abbiamo immaginato… Noi ci sentiamo Sminuiti.
Siamo persino tentati di mistificare per farci belli agli Occhi degli Altri.
Ci vuole pochissimo a perdere quello Stato di Rilassamento, di Armonia, di Pace iInteriore che avevamo conquistato.
Ma Noi vogliamo ritrovarlo.
Allora con il Pensiero torniamo sott’Acqua.
Non è necessario andare in Profondità: basta rimanere a Pelo d’Acqua.
Ci lasciamo avvolgere da Questo Liquido Fantastico e dalla Luce del Sole e torniamo a Non avere Ansia né Paura.
Non ci sentiamo sminuiti: torniamo ad ESSERE.
Semplicemente SIAMO.
Bisogna richiamare lo Stato d’Animo dell’ESSERE ogniqualvolta la Vita ci crea Difficoltà.
Ogni Volta che nei Nostri Rapporti si incrina Qualcosa.
Ogni Volta che il Giudizio su di Noi o sugli Altri diventa Pungente e ci fa Male.
Richiamiamo a Noi questo Stato dell’ESSERE come Assenza di Pensiero, di Paura, di Aspettativa.
Non serve Nulla: semplicemente ESSERE.
Ricordiamoci Questo Stato, imprimiamolo Dentro di Noi, teniamolo presente Ogni Volta che perdiamo l’Armonia.
Per volerci Bene torniamo spesso a Questo Stato.
È quello che ci nutre, che armonizza le Nostre Cellule, che azzera i Nostri Pensieri e ci mette – più di Ogni Altro – in Contatto con Noi Stessi.
Rilassiamoci in Questo Stato, lasciamo che ci permei, viviamolo Fino in Fondo lasciando andare i Pensieri: Non vogliamo accoglierli in Questo Momento.
Siamo così sereni e tranquilli che Non abbiamo Bisogno di pensare.
Ricordiamoci sempre di Questo Stato: se ORA siamo riusciti a raggiungere la Serenità, la possiamo raggiungere Ogni Volta che vogliamo, anche nel Marasma della Quotidianità.
Dobbiamo però volerlo, crederci, tendere a Questo.
Perché è lo Stato che permea Tutta la Nostra Vita.
Dobbiamo solo lasciare che si manifesti, dandogli Spazio, vivendolo più e più Volte al Giorno.

I commenti sono chiusi .

© 2018 Carla Parola Official website. All Rights Reserved // Onami Media

Translate »