Prevedere la Vita | Carla Parola Official website Prevedere la Vita – Carla Parola Official website
Ancora nessun commento

Prevedere la Vita

Se voi cercate di organizzarvi la Vita e quindi volete prevedere le varie Ipotesi, le varie Strade che la Vita potrebbe sottoporvi, voi attivate queste Strade.
Se io penso ad un Incidente, se penso ad un Intoppo, o se penso ad una Cosa bella: io attivo queste Possibilità.
Mi metto sulla Via dell’Attivazione di Eventi che potrebbero essere come non essere.
Non è detto che quello che io penso poi sia, ma io attivo un Qualcosa che nel Cosmo, attorno a me, è a Livello statico, in quanto tutte le Ipotesi che noi facciamo esistono, in quanto facciamo parte di un Tutto e quindi attorno a noi c’è tutto, ma è tutto a Livello statico.
Nel Momento in cui pensiamo diamo a questa Staticità una “Scossa” e quindi questa diventa attiva.
Quando si dice che il Pensiero è Azione, che il Pensiero è Realizzazione, si dice una Parte di Verità che è quella che vi ho detto: con il Pensiero noi attiviamo qualcosa che è statico.
La Realizzazione di questo Pensiero, avviene o non avviene solo se l’Energia lo ritiene utile, necessario per la propria Evoluzione.
Se penso che sarò ricchissima e quindi attivo questa Possibilità che c’è attorno a me, perché c’è per tutti, e la Vita poi non mi dà questa Ricchezza, non è perché io non ho attivato questo Evento abbastanza consapevolmente, non ho immesso abbastanza Forza, ma è perché l’Energia ritiene che il Fatto di essere ricchissima potrebbe portare ad una Destabilizzazione energetica, ritiene che avrei da gestire un Qualcosa che non mi è di Aiuto nell’Evoluzione e nell’Equilibrio, ma avrei solamente Fastidio e Pena, anche se la mia Mente giudica un Punto di Arrivo essere ricchissima.
Allo stesso Modo se attivo la Paura della Solitudine, di un Incidente, del Disagio economico, non è detto che questo sarà, perché io non ho questa Capacità così forte di far realizzare ciò che penso, però l’ho già attivato e quindi l’ho già messo sulla mia Strada.
Se l’Energia, e questo è un Punto delicato e incomprensibile, ha Bisogno di una Vibrazione che potrebbe per Esempio essere quella dell’Umiltà, dove la và a prendere? La và a prendere dalle Situazioni che io ho attivato. Allora se io, che ho Necessità di essere umile, ho attivato Situazioni come: la Solitudine, il Disagio economico, l’Incidente, la Morte di qualche Caro etc… l’Energia andrà a prendere fra queste Situazioni quella che mi può insegnare l’Umiltà.
Se io non ho attivato Nulla, perché vivo nell’ORA, nel Momento, l’Energia sceglie da sola la Situazione e sarà sempre e comunque quella più idonea.
Noi rischiamo, nel voler pensare, di attivare anche delle Situazioni che sono più pesanti di quelle che l’Energia sceglierebbe per noi.
Nel Momento che le abbiamo attivate non possiamo più liberarcene perché le abbiamo messe attorno a noi, non più in Forma statica, ma in Forma vibrante e queste Situazioni hanno Bisogno di una Risposta.
L’Energia pesca fra queste Situazioni vibranti quella che ritiene più idonea, ma se noi le abbiamo attivate tutte gravose, noi avremo Situazioni gravose da gestire.
Se noi non attiviamo Nulla l’Energia sceglie autonomamente e sceglie sempre per il meglio, dandoci comunque sempre la Capacità ed il Mezzo per superare le Prove e per arrivare a emettere la Vibrazione giusta: quella che ci sta chiedendo.
Concludo dicendo che il voler ipotizzare le Situazioni, non è Male in sé, ma comporta dei Rischi, perché da un Lato soddisfa la nostra Mente, il nostro Io, il nostre Ego, perché abbiamo controllato una Situazione, l’abbiamo pensata e abbiamo cercato di dominarla, non con i Mezzi che ci avrebbe dato la Vita, se veramente quella Situazione fosse attiva, ma come noi ipotizziamo che potrebbe essere attivata.
Dall’altro Lato se noi lasciassimo fluire le Cose, tutto diventerebbe estremamente più semplice, estremamente più facile.
Primo, perché non emettiamo in Anteprima delle Vibrazioni che possono non servirci, Per Esempio, nel Momento che facciamo una Ipotesi gioiosa, di Benessere, di Ricchezza, di grande Gioia ecco che mettiamo in noi una Euforia, una Capacità di gioire che potrebbe non essere quella che l’Energia vuole, perché in quel Momento ha più Necessità di una Vibrazione semplice, più lineare, meno convulsa di come può essere la Gioia e allo stesso Modo quando noi emettiamo la Vibrazione della Paura, dell’Ansia.
Se noi non emettiamo Vibrazioni in Anticipo, abbiamo un Equilibrio maggiore.

I commenti sono chiusi .

© 2018 Carla Parola Official website. All Rights Reserved // Onami Media

Translate »