Fare il Vuoto in Noi | Carla Parola Official website Fare il Vuoto in Noi – Carla Parola Official website
Ancora nessun commento

Fare il Vuoto in Noi

Per rilassarci completamente dobbiamo cercare di fare il Vuoto dentro di Noi, e il Vuoto è difficilissimo da fare nella Nostra Mente, perché i Pensieri sono innumerevoli: un Pensiero tira Altro, all’Infinito.
Allora come possiamo fare per crearlo? Intanto concentrandoci sul Respiro con il Metodo Classico: Io respiro profondamente, lentamente, inspiro, espiro e con questo Ritmo cerco di fare il Vuoto.
Questo Vuoto ORA viene riempito da Pensieri che immetto in Voi; cercate di seguire questi Pensieri mantenendo l’Attenzione sul Respiro, per impedire ai vostri Pensieri di inserirsi e deviarvi.
Oggi voglio fissare in Voi la Consapevolezza, la Certezza che l’Unico Scopo di questa Vita è di essere vissuta al meglio per servire l’Evoluzione.
Non sono Parolone, Concetti Astratti: è Realtà.
Tutto ciò che fate influisce sull’Evoluzione dell’Umanità, e Nulla di ciò che fate rimane se non l’Intenzione con cui lo fate.
Potete realizzare il più bel Palazzo, la più bella Statua o Quadro: non lo porterete via, lo lascerete sulla Terra e potrà anche dare grandissima Gioia, ma sarà Qualcosa di Materiale che potrà essere distrutto, eliminato; è però l’Intenzione con cui lo avete fatto che contribuirà all’Evoluzione dell’Umanità.
Perché è così importante capire questo Concetto? Perché esso ci porta ad eliminare molti Altri Concetti che sono sempre presenti nella nostra Mente: devo fare questo per apparire, per compiacere, perché è più conveniente, devo fare questo perché ne ho l’Obbligo.
Non così però si deve pensare, assolutamente no: dovete fare ciò che “sentite” giusto fare, ciò che in quel Momento l’Istinto vi suggerisce di fare, perché è quello che la Vita vi richiede.
Imparare ad ascoltarsi dentro non è difficile: è solo un Esercizio che va messo in Pratica, perché non si è abituati ad ascoltarsi.
Viviamo di Schemi, di Preconcetti, di Obblighi, di Coercizione che Altri o la Società ci impongono, e spesso ci dimentichiamo di chi siamo e che cosa siamo.
Il Risultato di questa Dimenticanza non ci porta a vivere una Vita serena, armoniosa, costruttiva, ma una Vita tutta in Salita, piena di Ostacoli e Paure; se, viceversa, impariamo ad ascoltarci dentro riscopriamo Lati di Noi stessi che sono meravigliosi: sono i nostri Angoli segreti, sono le Nostre Potenzialità che abbiamo l’Obbligo di esprimere.
Non c’è Dovere che possa impedirci di fare questo.
Il Primo Dovere, veramente il Primo, è di esprimere le Nostre Potenzialità.
Non bisogna avere Paura di dire di NO agli Altri, di essere criticati, di essere impopolari se il Prezzo da pagare è quello di non essere Noi Stessi.
Respirando sempre profondamente, lentamente facciamo entrare questa Consapevolezza: siamo una Parte dell’Universo, siamo Parte di un Tutto, non siamo qui per Caso, non siamo Soli, ma facciamo Parte di un’Unità.
Quest’Unità ci ha dotato di Specificità: Ognuno di Noi è diverso, Ognuno porta in Sé dei Doni, delle Caratteristiche. Sono queste che non devono essere soffocate.
Abbiate un grande Amore verso Voi Stessi.
Quando vi sentite stanchi, quando tutto attorno sembra congiuri contro di Voi, quando tutto diventa difficilissimo, quando gli Altri non vi capiscono… arrivo a dire che è un Momento meraviglioso.
Non ne potete più: finalmente il Vaso è colmo, vi siete stancati. E finalmente vi ricordate di Esistere.
È a questo Punto che arriva la Reazione, la Ribellione, e allora vi fate largo in mezzo ai Doveri che premono da Tutte le Parti ricordandovi di esistere.
Non ci vogliono Gesti eclatanti, Prese di Posizione clamorose: bastano Piccoli Gesti, Piccoli Spazi riservati a Se Stessi, privilegiare quello che dà Piacere rispetto al Dovere e pensare che se Voi non fate una Cosa, Altri la faranno, e che se Nessuno la farà, rimarrà da fare.
Dovete dare alle Situazioni, agli Impegni, agli Eventi un Senso di Relatività.
Potete programmare una Giornata piena di Impegni, di Cose da fare, di Obblighi, e poi svegliarvi e non potervi muovere perché la Schiena si è bloccata, la Testa funziona male, avete preso l’Influenza.
Allora tutta la vostra Programmazione dove finisce? Rimane lì.
Questo Pensiero dovete portarlo con Voi anche quando state bene e dentro di voi sentite il Rifiuto di Giornate piene di Impegni, di Obblighi; non avete voglia di aderire alle Esigenze Altrui, e allora fate finta di avere l’Influenza, chiudetevi in Voi Stessi e fate ciò che vi fa Piacere fare.
Non è Egoismo, ma Amore per Se Stessi.
Per invecchiare bene (e questa è una parola che non si sa più a quale Età deve essere riferita, perché ci sono Vecchi Giovani e Giovani Vecchi), per andare avanti bene nella Vita – con Armonia, con Tranquillità – è necessario sempre tenersi per Mano, sapere che in Noi ci sono dei Doni, delle Qualità, delle Prerogative che vanno assolutamente evidenziate, messe al Primo Posto.
Vivete qui, ORA, in questo Momento respirando lentamente, con questa Certezza consolidata: non sono qui per soffrire, per obbedire agli Altri, per fare della Vita una Fatica continua, ma sono qui per vivere al Meglio Me Stessa.
È mio Dovere: devo aiutare l’Evoluzione, la Vita a migliorarsi e lo posso fare attraverso i Doni che la Vita stessa mi ha dato.
Non voglio Essere ciò che non Sono, ma voglio vivere ciò che Sono al Meglio.
Devo riuscire ad essere Me Stessa per creare Pace e Armonia prima di tutto dentro di Me, e poi attorno a Me.
Ricordiamoci sempre di questo concetto:
NON SIAMO QUI PER SOFFRIRE, MA PER AIUTARE L’EVOLUZIONE.

I commenti sono chiusi .

© 2018 Carla Parola Official website. All Rights Reserved // Onami Media

Translate »